Il PARERE DEL LEGALE S.I.A.P. - Avvocato Anna Gigante - sulla: Attività Antisindacale

DOMANDA: Gentile Avvocato, da alcuni anni ricopro la carica sindacale di membro di base del SIAP e ogni giorno nella nostra quotidiana attività sindacale ci scontriamo con alcune condotte dei dirigenti e vorrei ben comprendere quando si configura l’attività sindacabile appezzabile giuridicamente.


RISPOSTA: I presupposti della condotta antisindacale, richiesti “ex lege” e per consolidato orientamento giurisprudenziale, vanno ravvisati nel comportamento dell’Amministrazione che di fronte ad istanze formulate le rifiuti arbitrariamente e con il solo scopo di ostacolare l’esercizio dell’attività sindacale.
E’ richiesto inoltre l’attualità del comportamento antisindacale o quanto meno dei suoi effetti, atteso che il procedimento incardinato per la repressione è necessariamente diretto ad ottenere una pronuncia costitutiva e non di mero accertamento
 


Pubblicato venerdì 05 agosto 2011 alle ore 16:06.
Ultima modifica sabato 06 agosto 2011 alle ore 14:59.
© Riproduzione riservata